Club Bella Italia | Quando arriveranno le piste ciclabili sotterranee a Londra?
307
post-template-default,single,single-post,postid-307,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.7,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
Le piste ciclabili a Londra

Quando arriveranno le piste ciclabili sotterranee a Londra?

Quando arriveranno le piste ciclabili sotterranee a Londra?

 

Più o meno tre anni fa, lo SkyCycle, il mega progetto dello studio Foster per la realizzazione di ciclovie sopraelevate poste sopra i binari della ferrovia urbana di Londra, riempiva le pagine di tutti i quotidiani.

Le piste ciclabili a Londra

The London Underline –  Gensler project

 

Da tempo, sotto la pressione sempre maggiore del traffico stradale, del sovraffollamento delle metropolitane e dei bus e non ultimo del continuo e crescente numero di vittime tra i ciclisti, l’esigenza di trovare una strada alternativa dove incanalare in sicurezza il traffico dei pendolari che usano la bici per i loro spostamenti da casa al lavoro è diventata una priorità. E i lavori

La Gensler, uno studio di architettura californiano, è risultata vincitrice, nel 2015, del London Planning Award con il progetto della The London Underline, una rete di viabilità sotterrenea che prevede la riconversione di tunnel della metro inutilizzati, in corridoi per i ciclisti ed i pedoni. Gli accessi dalle stazioni della metro possono essere facilmente adattati e, sebbene, la rete viaria utilizzabile non sia continua nè tantomeno copra capillarmente tutta l’area urbana, sarebbero garantiti decine di chilometri di percorso asciutto e sicuro per i ciclisti e per i pedoni che avrebbero una corsia parallela a loro dedicata.

A differenza del progetto aereo di Foster che dovrebbe essere realizzato da zero, questo  ha tempi di attuazione molto più brevi, trattandosi in definitiva, di raccordare gl’ìngressi della metro con tunnel già esistenti adattandoli alla nuova destinazione d’uso.

piste per biciclette a Londra

Sky Cycle – Foster project

 

Il progetto della Gensler prevede inoltre che i tunnel vengano serviti dall’ elettricità cinetica prodotta dai passi della gente sul pavimento con il sistema ideato dalla PaveGen, le cui lastre che generano elettricità dai passi sono già state sperimentate nella stazione di West Ham all’epoca dei Mondiali 2012.

Spazi culturali, intrattenimento e ristoro, nonchè numerose altre attività commerciali sono già previsti sottoterra per allietare il viaggio dei cittadini che useranno la Underline e prevedibilmente la soluzione di un problema si trasformerà nell’ennesima occasione di business in una città che macina e produce incessantemente ricchezza.

Antonella Sciortino



X