Club Bella Italia | Italiani influenti a Londra. Guarda chi c’è?
615
post-template-default,single,single-post,postid-615,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.7,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Italiani influenti a Londra. Guarda chi c’è?

Ci sono molti italiani che hanno fatto fortuna nel mondo, approfittando di opportunità che in Italia non avrebbero mai potuto avere, ed uno di questi risponde al nome di Davide Serra, un imprenditore italiano, fondatore ed amministratore del fondo Algebris. Algebris Investments Llp è una società per la gestione del risparmio con sede nel Regno Unito, fondata nel 2006. Davide Serra, che non ha mai nascosto di votare per il centro-sinistra e di sostenere a spada tratta il suo amico Renzi, è stato visto ultimamente anche al congresso della Leopolda, dove ha avuto modo di lamentarsi un po’ dell’Italia, del fisco eccessivamente  oppressivo e degli scioperi pubblici, che allontanerebbero gli investitori stranieri.

Il patron dei fondi Algebris, finanziatore, nonché amico di Renzi, parla da emigrante di lusso, una sorta di esule della finanza, che vive da una ventina di anni a Londra. Di occasioni d’affari per un professionista come lui, la City ne offre a bizzeffe. In Italia, un gruppo come Algebris, dalla architettura societaria complicata, sarebbe impossibile. La Algebris investments ltd dispone di un consolidato bilancio, in cui vengono indicate anche due affiliate, che si trovano una sempre su suolo inglese, mentre l’altra su suolo americano, più precisamente a Boston. Il cuore del gruppo è però la Algebris investments Llp, la quale incassa le commissioni degli investitori, per la gestione dei diversi fondi di investimento. Gli utili aziendali per le “limited partnership”, come vengono definite oltremanica, non vengono tassati, e vengono distribuiti agli azionisti sotto forma di dividendi, come succede nei casi delle società ordinarie.

In base a quelle che sono le leggi nel Regno Unito, i partner della società possono prelevare una quota dei profitti della Llp, esentasse. Questi soldi in seguito, confluiscono semplicemente nella dichiarazione dei debiti di ciascun partner. Tuttavia, Londra non è l’unica sede in cui confluiscono le attività di Davide Serra, Algebris infatti, sfocia anche nel meraviglioso paradiso delle isole Cayman, dove una sua filiale ha sede dal 2012, e la quale ha dato origine alle controversie sfociate tra Pier Luigi Bersani e lo stesso finanziere italiano. L’allora segretario del Partito Democratico, definì uno dei maggiori “sponsor” di Renzi, come un “bandito delle Cayman“. Da qui ne nacque una causa in tribunale, vinta dal segretario del PD.

Un’altra Algebris ha sede in quel di Singapore – un altro paradiso fiscale. Documenti alla mano, Davide Serra è alla guida di una macchina che produce soldi in quantità industriale, con profitti che superano i 9 milioni di euro all’anno. La Algebris investment ltd, capogruppo di tutto l’ambaradan, ha versato solo 106 mila sterline di tasse, mentre i 9 partner si sono divisi la bellezza di 6,9 milioni di sterline! Sulle carte, l’amico di Matteo, viene evidenziato come socio di comando – controlling party. Tra gli associati della Algebris troviamo anche Chris Hohn, uno spregiudicato raider di Borsa. Secondo l’americano “Forbes“, Hohn avrebbe messo sott’occhio nientemeno che Moodys, investendo circa 1 miliardo di dollari per una delle maggiori società quotate a Wall Street e che “dona” a tutto il mondo le pagelle alla solidità finanziaria delle aziende, ma soprattutto agli stati sovrani. Italia compresa.

Club Bella Italia



X