Club Bella Italia | La manager inglese che riaffermò il primato della moda italiana nel mondo
646
post-template-default,single,single-post,postid-646,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.7,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

La manager inglese che riaffermò il primato della moda italiana nel mondo

Nel Settembre del 2013, Jane Reeve è stata nominata come primo amministratore delegato della Camera Nazionale della Moda Italiana, un’Associazione no profit, che promuove, coordina e disciplina lo sviluppo della moda italiana. La sua presenza ha rafforzato i valori culturali del Made in Italy, potenziando e coordinando l’immagine della moda italiana sia in Italia che all’estero. Il suo ruolo ha avuto come obiettivo quello di riaffermare la moda italiana al primo posto a livello mondiale, partendo dalla riorganizzazione della Milano Milan Fashion Week. La Reeve ha mantenuto questo ruolo per un anno e mezzo, prima di rientrare ai vertici di J. Walter Thompson nel Giugno del 2015. Le sue responsabilità sono quindi passate di mano, precisamente a Carlo Capasa, che all’inizio dell’anno aveva preso il posto di Mario Boselli come presidente della Camera della Moda Italiana. Una delle sfide più impegnative che sono toccate alla Reeve, è stata la gestione di un cambiamento significativo alla guida della Milano Fashion Week, promuovendo e supportando la presenza di giovani stilisti emergenti alla settimana della moda, oltre alla gestione dei più grandi brand mondiali presenti come ogni anno a Milano, come Armani e Versace. Un obiettivo largamente raggiunto dalla Reeve, che Capasa intende portare avanti con tutte le sue forze. La donna inglese ha rilasciato alcune dichiarazioni ultimamente al Daily Telegraph, riguardo la sua esperienza “italiana”. Ha dichiarato che per una persona che vede il mondo della moda con occhi esterni, crede che sia una cosa favolosa da vivere dall’interno. Tuttavia, non appena ha preso possesso del suo incarico, da più parti le avrebbero detto che Milano era uscita fuori dai binari e che doveva essere riportata sul suo tracciato originario. Ciò che l’ha sorpresa di più sono stati i piccoli imprenditori, persone dinamiche, con i piedi per terra, che parlano di problemi e come risolverli, e che l’hanno motivata ancora di più, se fosse necessario. Oggi la Reeve è tornata ai vertici della JWT, ma non dimenticherà mai questa meravigliosa esperienza. Ormai vive in Italia da oltre 25 anni, tanto che i suoi amici credono che sia italiana. Un’influente inglese nel nostro paese.

©nicodidonna Spring/Summer 2017

Club Bella Italia



X