Club Bella Italia | The Estorick Collection of Modern Italian Art
729
post-template-default,single,single-post,postid-729,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.7,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

The Estorick Collection of Modern Italian Art

La Estorick Collection of Italian Modern Art è una delle istituzioni italiane in terra britannica più importanti e consolidate: una piccola gemma, situata nel borgo di Islington, Londra, nei pressi di Canonbury Square, ospitata in una bella villa Georgiana del XVIII secolo che ha preservato quasi intatti i suoi caratteri originali. La collezione permanente raccoglie importantissime opere d’arte italiane risalenti alla prima metà del XX secolo; si tratta inoltre dell’unico museo in tutto il Regno Unito dedicato all’Arte Moderna Italiana.

Il museo organizza spesso eventi cui partecipano numerosi i membri della comunita italiana a Londra; è inoltre un punto fermo nell’accoglienza e nella formazione di molti giovani laureati appena giunti dall’Italia per tentare di ineserirsi nella capitale britannica: è possibile infatti lavorare come volontari nelle sale del museo in qualità di gallery assistant (assistente di Galleria), aiutando nell’allestimento delle mostre temporanee, fornendo assistenza al pubblico e spiegando, su richiesta, aspetti storico ed artistici della collezione permenente. Un modo piacevole ed utile di inziare l’avventura in terra d’Albione, arricchendo il prioprio CV con una prima ed importante esperienza lavorativa in UK.

La collezione fu creata dallo scrittore americano (di base a Londra) Eric Estorick esperto ed appassionato d’arte che, subito dopo la Seconda Guerra Mondiale, si recò spesso in Italia per comprare dipinti e sculture di importanti artisti futuristi come Umberto Boccioni, Carlo Carrà, Giacomo Balla e Mario Sironi. Nel 1994, alla sua morte, la collezione, gestita dalla Estorick Foundation, venne trasferita nell’attuale residenza; il museo è stato inaugurato nel 1998 e da allora è diretto dalla dottoressa Roberta Cremonicini.

Il cuore della collezione è dedicato al Futurismo con numerosi dipinti, disegni e sculture tra cui si segnalano: La Mano del Violinista di Balla, L’idolo Moderno, di Boccioni, L’uscita dal teatro di Carrà, La Musica di Russolo e Il Boulevard di Severini. Sono esposte anche alcune opere d’arte figurativa, tra cui si ricorda il ritratto del Dr Brabander di Modigliani e due capolavori di Giorgio de Chirico. Degna di nota anche la ricca collezione di disegni ed incisioni di Giorgio Morandi, ricca di paesaggi e nature morte.

A parte la collezione permanente il museo organizza ogni anno quattro mostre temporanee; quella attualmente in corso è dedicata a Franco Grignani, architetto, matematico e designer di grande talento, noto al grande pubblico, soprattutto per il progetto grafico per il marchio della Pura Lana Vergine (International Wool Society) realizzato nel 1964. Tra le esibizioni più recenti ricordiamo le retrospettive su Gino Severini, Umberto Boccioni, Renato Guttuso, Alberto Burri, Lucio Fontana, Fausto Pirandello, Giacomo Manzù, Giorgio Morandi, Giorgio de Chirico, Gerardo Dottori, Bruno Munari, Emilio Grecoe Giacomo Balla.

Nella sede del museo, oltre alle gallerie per le esposizioni, è presente una ricca biblioteca consultabile su prenotazione, un fornito book shop ed un accogliente caffè, recentemente ristruttrato ed ampliato dove è possibile gustare piatti tipici della cucina italiana, serviti, soprattutto d’estate, nell’ampio giardino dell’edifico.

©Modern Idol by Umberto Boccioni, 1911 Estorick Collection

Vincenzo Sebastiano



X